Nuovo adempimento a carico del curatore tramite ComUnica, previsto dall'art. 29 comma 6 del decreto legge n. 78/2010, convertito nella legge 30 luglio 2010 n. 122 (G.U. n. 176 del 30 luglio 2010)

Disposizione in formato pdf - 110 kB
 

Il comma 6, dell'art. 29 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78 (ora Legge 122/2010), prevede - con efficacia 1 giugno 2010 - che, il curatore nominato con sentenza di fallimento o con decreto del tribunale (art. 27 L.F.), dopo aver fatto pervenire al giudice delegato la propria accettazione (art. 29 L.F.), deve comunicare, entro i successivi quindici giorni, tramite 'Comunicazione Unica', "i dati necessari ai fini dell'eventuale insinuazione al passivo della procedura concorsuale".

Il Registro delle Imprese di Milano, per supportare l'attività dei curatori nello svolgimento dei loro compiti e per dare una prima attuazione a questo nuovo adempimento - collegato all'art. 8 c. 4 del dpr n. 322/1998 - segnala che la pratica di 'comunicazione unica' va predisposta come segue:

A) Compilazione di un modello digitale S2 riquadro 20 (oppure, per le imprese individuali, nella compilazione di un mod. I2 riq. 31) - tipo atto/fatto 008 (nota1).

Il codice atto da indicare è A15 (procedure Concorsuali) - solo per le società.

Nel campo descrittivo del riquadro 20 (o del riq. 31) devono essere indicati gli elementi previsti dall'art. 92 L.F, ed in particolare la data fissata per l'esame dello stato passivo e la data entro cui vanno presentate le domande di insinuazione al passivo fallimentare nonché ogni altra informazione utile per agevolare la presentazione di tali domande.

B) Una volta scaricata e firmata la distinta fedra attraverso il software 'Comunica' va acquisito il file (alla pratica di comunicazione unica) e va aggiunta la modulistica IVA predisposta con l'applicativo dell'Agenzia delle Entrate riferito ai mod. AA7/10 (soggetti diversi dalle persone fisiche) e AA9/10 (imprese individuali), allegando il *.PDF firmato digitalmente dal curatore ed il file dati *.INV (che non deve essere firmato digitalmente).

C) Terminate queste operazioni, va compilata la maschera di 'comunica' integrata nel programma e, attraverso la funzione 'prepara', vanno svolti gli ultimi adempimenti: negli importi va selezionato 'esente da bollo' e vanno inseriti € 10,00 per i diritti di segreteria. Infine va selezionato il pulsante "INVIA".

L'Ufficio del Registro delle Imprese, a seguito della presentazione della pratica, annoterà le informazioni comunicate e rilascerà le ricevute di protocollazione e di evasione, oltre a trasmettere la modulistica IVA all'Agenzia delle Entrate.

L'adempimento - in considerazione dei forti collegamenti con le disposizioni tributarie evidenziate nella relazione accompagnatoria al decreto - richiede la necessaria allegazione della modulistica fiscale sopra ricordata: in assenza la comunicazione sarà immediatamente respinta.

Il Conservatore del Registro delle Imprese di Milano
(Gianfrancesco Vanzelli)


Milano, 25 giugno 2010

Disposizione aggiornata il 3 Agosto 2010



Nota:
Dal 3 Agosto 2010 a seguito di Nota Operativa di Unioncamere il codice atto da utilizzare è 008 e non più 001 come precedentemente indicato